I MILLE DEL PONTE

Debutta martedì 31 gennaio 2023 I mille del ponte di Massimiliano Lussana. Uno spettacolo di teatro canzone diretto da Alessio Pizzech, in cui l’attore e musicista Mario Incudine racconta (e canta), accompagnato da una band, un’impresa straordinaria: quella dei mille tra uomini e donne che, dopo il tragico crollo del ponte Morandi, costruirono il nuovo viadotto di Genova (ponte San Giorgio). Il prodigio di una costruzione che non è solo un'opera di avanzata ingegneria, ma la prova della resilienza e della volontà di rinascita di un’intera comunità. In scena fino a domenica 5 febbraio.

È bello poter guardare al passato, poter ricordare. La memoria è necessaria per capire il presente e il futuro. E un evento terribile e tragico come il crollo di ponte Morandi, che resterà per sempre inciso nella pelle di Genova, può essere ricordato non solo per il lutto che ha causato, ma anche per l’immediata reazione che ha suscitato. Ecco, I mille del ponte vuole essere questo: un racconto “a stazioni” che parla delle vite e dell’impegno profuso dai lavoratori che hanno costruito il nuovo ponte di Genova.

Nato da una idea dello scrittore e giornalista Pietrangelo Buttafuoco, diventato in breve tempo testo teatrale grazie a Massimiliano Lussana, affidato alla regia esperta di Alessio Pizzech, e con le musiche di un talento istrionico come Mario Incudine, I mille del ponte potrebbe essere definito uno spettacolo “epico” che, nella forma del “Teatro Canzone”, narra di una meravigliosa avventura, realizzata in tempi record. Racconta, in definitiva - dice l’autore - «dell’Italia migliore che riscatta l’Italia peggiore».

Ecco, allora, una carrellata di personaggi e di storie, che intreccia i saldatori a Renzo Piano, gli ingegneri agli addetti al serraggio, gli autisti agli avvocati, i barellieri ai medici, fino ai notai, che hanno fatto di tutto per evitare gli espropri delle case sotto il Ponte. Insomma, un omaggio ai lavoratori e a quella genialità fattiva, che a volte l’Italia sa dimostrare e che si è concretizzata nel Ponte di luce. E poi, sempre con la musica, c’è il racconto di cos’è Genova e di cosa sono i Genovesi: città e cittadini fatti di mille campanili che si incontrano e si ritrovano nel loro modo migliore solo nelle disgrazie. E infine, scrive Lussana, «a far da contraltare al racconto nei vicoli e nelle strade di Genova, ecco un viaggio in Sicilia con quel ponte che non c’è sullo stretto come metafora di tutto questo».

Produzione
A.S.C. Production arte spettacolo cultura srl
Regia
Alessio Pizzech
Scene e costumi
Paolo Previti
Interpreti
Mario Incudine e Antonio Vasta, Francesco Bongiorno, Pino Ricosta
Arrangiamenti musicali
Antonio Vasta
Ingegnere del suono
Salvo Lo Vecchio
Disegno luci
Vincenzo Miserandino.


Teatro Nazionale di Genova

Piazza Borgo Pila 42, Genova
Telefono 010 5342 1 Fax 010 534 2510
Info biglietteria  010 5342 300 

https://teatronazionalegenova.it/

teatro@teatronazionalegenova.it

Data spettacolo:

Sino a domenica 5 febbraio 2023

Info sala

Teatro Gustavo Modena

Piazza Gustavo Modena, 3
Genova