CUòRE: SOSTANTIVO MASCHILE

Si avvicinano gli appuntamenti conclusivi del Festival dell'Eccellenza al Femminile, alla sua diciottesima edizione, che ha visto un successo crescente di pubblico e di critica. La penultima rappresentazione teatrale in calendario è Cuore: sostantivo maschile di Angela Di Maso con regia di Alvia Reale e interpreti Daniela Giovanetti e Alvia Reale alla Sala Mercato del Teatro Nazionale di Genova nella giornata di giovedì 8 alle 19.30 e il 9 dicembre 2022 alle 20.30.

Cuore: sostantivo maschile nasce come un dialogo pubblico sul teatro, sulla morte, sulla nostra vita. E, si prova ad andare, senza pudore, in luoghi della propria memoria e della propria intimità, nel tentativo di trasformare la propria vita in qualcosa di collettivo. Sono io, ma non proprio, non solo… Così tra autobiografia e incubi, la voce umana diventa quella di animali, per poi trasformarsi in passi di danza, in ricordi di note cantate. Fino all’incontro davanti ad un teatro chiuso, per dirsi che nonostante tutto non è finita. L’ultimo spettacolo sarà meraviglioso.

«Dopo questo anno drammatico - spiega la regista ed interprete Alvia Reale -, il pensiero di tornare a lavorare nello stesso modo, con un regista che sceglie per te il testo, con un teatro che sceglie per te i compagni di lavoro e le modalità, ci è parso non sopportabile. Nel frattempo io personalmente, ho dovuto fare i conti con la morte di mia madre, con il suo funerale deserto, con la paura di non essere più neanche in grado di saper raccontare delle storie. Di questo abbiamo parlato con Daniela, quando ci siamo incontrate davanti ad un Teatro chiuso. Abbiamo azzardato: perché non parlare di noi? Non c’è agonia più grande che tenere una storia non raccontata dentro di sé. Perché non ci sono solo storie buone, ci sono anche storie di odio, di dolore, di inimicizie e delusioni, come scrive Karen Blixen “tutti i dolori possono essere sopportati se vengono messi in un racconto”».

«Il lavoro drammaturgico su Cuòre nasce da tre desideri: quello mio, di Alvia e di Daniela di creare qualcosa insieme - dice l’autrice - che fosse un progetto originale, ma in cui il concetto di originalità fosse sinonimo di verità. Ma la verità è anche un percorso da fare, non un traguardo da cui partire. E si sa che noi tutti preferiamo ignorarla, la verità. Per non soffrire. Per non guarire. Perché altrimenti diventeremmo quello che abbiamo paura di essere. Cuòre diventa un luogo in cui a noi tutti è dato ritrovarsi. Riconoscersi». Durata dello spettacolo: 1 ora


Teatro Nazionale di Genova

Piazza Borgo Pila 42, Genova
Telefono 010 5342 1 Fax 010 534 2510
Info biglietteria  010 5342 300 

https://teatronazionalegenova.it/

teatro@teatronazionalegenova.it

Data spettacolo:

Venerdi 9 dicembre 2022

Spettacolo terminato

Info sala

Sala Mercato

Piazza Gustavo Modena, 3
Genova