RAGAZZI DI VITA

Una creazione corale che ci restituisce la struggente vitalità del romanzo di Pasolini. Premio della Critica, Ubu e Le Maschere per la regia. Da martedì 12 febbraio va in scena al Teatro della Corte di Genova Ragazzi di vita, lo spettacolo tratto dal celebre romanzo di Pier Paolo Pasolini, con la regia pluripremiata (Ubu, Le Maschere, Premio della Critica) di Massimo Popolizio e, nel ruolo del narratore, Lino Guanciale.

«Popolizio, divertendo ed emozionando gli spettatori, restituisce al teatro magia e purezza nella semplicità dei mezzi utilizzati: i "ragazzi di vita" diventano eroi epici di una Roma, violenta e poetica, che non c'è più» Costantini - Corriere della Sera. 

Il Riccetto, Agnolo, il Begalone, Alvaro, e ancora il Caciotta, Spudorato, Amerigo… Sono quei “ragazzi di vita”, dalla vitalità disperata, raccontati in un romanzo che traboccava del brulichio delle borgate romane. Sulla scena nuda, dove si evocano bagni al Tevere o pomeriggi al bar, 19 giovani attori interpretano esistenze genuine e spregiudicate, dando voce alla scrittura di Pier Paolo Pasolini e a quel primo, feroce romanzo scritto nel 1955.

Dopo il successo delle passate stagioni, ritorna questa creazione corale e struggente diretta con mano sicura dal pluripremiato Massimo Popolizio, con la drammaturgia dello scrittore Emanuele Trevi. Narra del popolino giovane e scapestrato che abitava la Roma delle “lucciole”, prima del grande mutamento genetico: una città terrigna e barbara, furbetta e ingenua, schietta ed evanescente. Parlavano con voci raspate, strozzate, grevi: la Marana, le baracche, lo smercio del corpo, i tram e le gite a Ostia erano raccontate con timbri antichi, che risuonano intensi e vivi.

«I “ragazzi” – racconta Massimo Popolizio – lottano con la quotidianità. Una vitalità infelice: la cosa più commovente in quest’opera è proprio la mancanza di felicità. Sono un popolo selvaggio, una squadra, un gruppo, un branco di povere anime perdute.” Ragazzi di vita è intriso di musica, di canto e di canzoni. Siamo in quell’aria, in quell’aere, che la voce di Claudio Villa ha depositato nel tempo e che a Roma è stato quasi un modo di atteggiarsi, prendendosi in giro». E lo spettacolo, allora, diventa divertente e appassionante, commovente e tragico: proprio come la vita di quei ragazzi.


Teatro Nazionale di Genova

Piazza Borgo Pila 42, Genova
Telefono 010 5342 1 Fax 010 534 2510
Info biglietteria  010 5342 300 

https://teatronazionalegenova.it/

teatro@teatronazionalegenova.it

Data spettacolo:

Domenica 17 febbraio 2019

Info sala

Teatro della Corte

Viale Duca D'Aosta Emanuele Filiberto
Genova