IL LAGO DEI CIGNI

Il lago dei cigni, oggi forse il balletto più famoso del mondo, continua a mantenere intatto tutto il suo fascino per l’atmosfera lunare che accompagna l’apparizione di Odette, per il doppio ruolo di Odette-Odile, cigno bianco e cigno nero, per l’eterna lotta fra il Bene e il Male. Appuntamento, martedì 5 dicembre, quando arriva per la prima volta a Genova il Balletto di San Pietroburgo che metterà in scena Il lago dei cigni. Lo spettacolo si terrà al Teatro della Corte alle ore 21.

La trama, decisamente romantica, racconta la storia della principessa Odette che un perfido sortilegio del malefico mago Rothbart, a cui la principessa ha negato il suo amore, costringe a trascorrere le ore del giorno sotto le sembianze di un cigno bianco. La maledizione potrà essere sconfitta soltanto da un giuramento d’amore. Il principe Siegfried si imbatte nottetempo di Odette, se ne innamora e promette di salvarla.

Ad una festa nella reggia di Siegfried il mago presenta sua figlia che ha assunto le sembianze di Odette al principe che, convinto di trovarsi al cospetto della sua amata, le giura eterno amore. A quel punto il mago rivela la vera identità della fanciulla e Odette, destinata alla morte, scompare nelle acque del lago. Siegfried, disperato, decide di seguirla: è proprio questo suo gesto a rompere l’incantesimo consentendo ai due giovani innamorati di vivere per sempre felici.

Un fiore all’occhiello per il Balletto di San Pietroburgo con le favolose e incantate musiche di P.I.Chaikovskij e su coreografie di Marius Petipa.


Teatro Stabile di Genova e Teatro dell'Archivolto


Teatro Stabile

Piazza Borgo Pila 42, Genova
Tel. 010.53421 - Fax. 010.5342510
Tel. botteghino 010.5342200
http://www.teatrostabilegenova.it
info@teatrostabilegenova.it


Teatro dell'Archivolto

Piazza Modena 3, Genova
Tel. 010412135 - 0106592220 
http://www.archivolto.it
promo@archivolto.it

https://www.teatrostabilegenova.it/cartellone/

Data spettacolo:

Martedi 5 dicembre 2017

Info sala

Teatro della Corte

Viale Duca D'Aosta Emanuele Filiberto
Genova