IGNOTA A ME STESSA

Vivian Maier non solo mostra il mondo attraverso la fotografia, ma mostra il proprio guardare. L’operazione teatrale aggiunge la forma poetica della parola a quella evocativa delle immagini.

Una cosa che si nota, o si vive, guardando le fotografie di Vivian Maier, è il gioco pudico e sfacciato dell'identità: specchi usati come finestre trasparenti, rimbalzi tra "io" e "non-io", ombre che annunciano, denunciano, ironizzano, esorcizzano l'assenza. Come ogni fotografo, ma molto di più, Vivian Maier non solo mostra il mondo, ma mostra il proprio guardare. Più che un gioco, è una danza di corpi e di sguardi che a tratti si fa vertiginosa, e pericolosa. Sarebbe abbastanza: ma Patrizia Ercole e Silvestra Sbarbaro hanno aggiunto il loro sguardo, che è molto particolare. Ai modi estetici, psicologici, esistenziali, sociali, di guardare quelle immagini, hanno aggiunto uno sguardo drammaturgico. Oltre a entrare in quel gioco come nuovi soggetti, nuove danzatrici, creando un testo, per la stampa e per la voce, hanno dato una misura (provvisoria), una "durata", una unità-di-discorso, una zona di senso, all'abisso seriale delle immagini. Mettendo in (un) teatro alcune di quelle immagini, e parlandone (non in didascalia, ma in controcanto) sono state, per l'austera e sfuggente straniera, amichevoli e ospitali.  

Roberto Piumini


Teatro Garage

via Repetto 18 r , Genova
Tel. 010 511447 - 010 8994976
Tel. Botteghino 3770897309

http://www.teatrogarage.it

info@teatrogarage.it

Data spettacolo:

Sabato 12 dicembre 2020

Info sala

Teatro Garage

Via Paggi, 43
Genova