3-4-3... DESTINAZIONE AUSCHWITZ

3-4-3 è quello che oggi si definisce un modulo calcistico, il modo di stare in campo di una squadra. Una concezione moderna di fare calcio dove i difensori non difendono solamente e gli attaccanti non pensano solo ad offendere, ma tornano a collaborare alla difesa e a turno i terzini si spingono all’attacco senza sguarnire, naturalmente, il reparto difensivo. Con queste logiche di gioco scendevano in campo le squadre di Arpad Weisz, prima calciatore poi allenatore di origini ungheresi il personaggio al centro del nostro racconto.

Arpad Weisz tra gli anni venti e i primi anni trenta è stato l’innovatore del calcio. Un precursore, un amante di questo sport che grazie alle sue intuizioni ha ottenuto risultati straordinari con l’Inter, con il Bologna e con tutte le squadre che ha allenato. La storia di un uomo straordinario vissuto in un luogo sbagliato, in un momento sbagliato.

Ebreo non ortodosso, cade in disgrazia all’indomani delle leggi razziali volute dal regime fascista. Osannato e quasi venerato fino a quel fatidico 1938 viene dimenticato, abbandonato. Tutti gli voltano le spalle, se ne lavano le mani. Non lo dimenticano i nazifascisti che nell’anno della soluzione finale spediscono lui e la sua famiglia all’inferno di Auschwitz. Al centro della messa in scena, la vita dell’uomo, lo scoppio della seconda guerra mondiale, le leggi razziali.


Teatro Garage

via Repetto 18 r , Genova
Tel. 010 511447 - 010 8994976
Tel. Botteghino 3770897309

http://www.teatrogarage.it

info@teatrogarage.it

Data spettacolo:

Domenica 17 novembre 2019

Spettacolo terminato

Info sala

Teatro Garage

Via Paggi, 43
Genova