LA RIVOLTA DEGLI OGGETTI

Negli anni Settanta il gruppo La Gaia Scienza ebbe un effetto dirompente sul teatro italiano. I tre fondatori tornano oggi a confrontarsi con il loro primo spettacolo.

Il 24 marzo 1976, negli spazi del Beat 72, una delle storiche “cantine romane” del teatro di ricerca, si rivelava al pubblico una compagnia di giovani artisti: si fecevano chiamare La Gaia Scienza e insieme ad altri diedero vita a un vibrante rinnovamento della scena nazionale e europea. Si presentarono con uno spettacolo dirompente che affascinò subito pubblico e critica: La rivolta degli oggetti. Del gruppo facevano parte Marco Solari, Alessandra Vanzi, Giorgio Barberio Corsetti, diventati in breve tempo protagonisti del teatro d’avanguardia (o meglio di “post-avanguardia”) italiano.

In quel lavoro affrontarono temi a loro cari: il rapporto tra poesia e rivoluzione, tra società e moda, tra storia e contemporaneità. In un gioco tra gesto e parola, slancio e energia, danza e arti visive, utopia e realtà, il racconto era un flusso ininterrotto di immagini, un processo artistico in costante trasformazione. Dopo oltre quaranta anni, i tre artisti della Gaia Scienza si incontrano nuovamente: cosa è cambiato da allora? Come? Cosa è restato immutato?

«Ci è parso interessante riandare a quel momento nietzschianamente aurorale per ragionare di nuovo insieme – spiegano gli artisti – anzitutto tra noi tre, dopo trentacinque anni di strade e percorsi separati, su quel lavoro che per ognuno di noi ha costituito un punto di partenza importante, fondante. Era l’esito di un rapporto di amicizia e di affinità d’interessi e gusti, l’elaborazione di uno stile e di un linguaggio comune, fisico e mentale assieme, di prove e di vita, in una dimensione di grande libertà, senza una regia, né di uno né di tutti. Quello a cui ci accingiamo è creare le condizioni per trasmettere un’esperienza, reinventando quel gioco scenico, consegnando a dei giovani attori e danzatori gli oggetti da rivoltare».


Teatro Nazionale di Genova

Piazza Borgo Pila 42, Genova
Telefono 010 5342 1 Fax 010 534 2510
Info biglietteria  010 5342 300 

https://teatronazionalegenova.it/

teatro@teatronazionalegenova.it

Data spettacolo:

Da venerdi 8 novembre 2019 a sabato 9 novembre 2019

Info sala

Teatro Gustavo Modena

Piazza Gustavo Modena, 3
Genova