THE DEEP BLUE SEA

Che cosa siamo capaci di fare per inseguire l’oggetto del nostro amore? Dall’Inghilterra degli anni Cinquanta una pièce che parla di passione e fatalità.

Una storia appassionata, d’amore, di desiderio, di dolore. Questo è il testo che Sir Terence Rattigan, scomparso nel 1977, affida alle scene dopo il suicidio del proprio amante. Omosessuale inquieto, outsider rispetto a quella nobiltà britannica da cui proveniva, Rattigan ambienta le sue opere in un mondo lontano dalla realtà italiana contemporanea, quella “Upper middle class” che viveva conflitti e inquietudini nel West End di metà Novecento, ancora più vicina a Oscar Wilde che non a quel John Osborne che di lì a poco avrebbe cambiato la storia della drammaturgia inglese.

Eppure in questo testo, Rattigan innesca una dura riflessione sulle leggi dell’amore. Come scrive il regista, Luca Zingaretti, presentando The Deep Blue Sea: «È una pièce sulle infatuazioni e gli innamoramenti che sconvolgono mente e cuore; l’amore folle che tutto travolge, a cominciare dal più elementare rispetto di se stessi. Cosa siamo capaci di fare per inseguire l’oggetto del nostro amore?». Ecco dunque il ritratto di una donna, interpretata da Luisa Ranieri, che ha lasciato il marito, ricco e potente giudice, per un giovane pilota alcolizzato. La relazione, inizialmente appassionata e sensuale, è in crisi. Le difficoltà economiche, le differenze di età e classe hanno rovinato il rapporto, lasciando la donna disperata. Da qui muove Rattigan, per raccontare un’unica, dolorosa, giornata…

Ha scritto Rodolfo Di Giammarco su Repubblica: «Nel clima bohémien Luisa Ranieri è in apparenza fragile ma di fatto lucida (…) Rattigan insinua vari concetti della morte come impossibilità del vivere. Lei, Ranieri, in questa messinscena che Zingaretti imposta con bella naturalezza, è armoniosa e molto brava, lascia il segno. Quello di un carattere contraddittorio, insoddisfatto, reticente, spesso però magnetico».


Teatro Nazionale di Genova

Piazza Borgo Pila 42, Genova
Telefono 010 5342 1 Fax 010 534 2510
Info biglietteria  010 5342 300 

https://teatronazionalegenova.it/

teatro@teatronazionalegenova.it

Data spettacolo:

Da mercoledi 19 febbraio 2020 a domenica 23 febbraio 2020

Info sala

Teatro della Corte

Viale Duca D'Aosta Emanuele Filiberto
Genova