THE CONFESSION

Teatro di guerra. O teatro in tempo di guerra. Questo gioco di parole potrebbe svelare la vicenda narrata dal siriano Wael Qadour in La Confessione.  L’autore sembra chiedersi (e chiedere al pubblico) se si può continuare a fare teatro sotto le bombe, in mezzo alle macerie o alla violenza. Si tratta, insomma, di domandarci quanto e come il contesto determini il testo, quanto la follia della guerra possa mutare le persone, quanto tutto quello che c’è intorno cambi il senso stesso delle parole più semplici.

Qadour immagina una situazione certo non facile. In una casa di qualche periferia siriana si intrecciano le esistenze di cinque persone: un soldato di leva, un regista teatrale, un ufficiale dell’esercito in pensione, un’attrice e un attore. Una quotidianità apparentemente impossibile, la loro, tra disperata sopravvivenza e voglia di fuga. Ma in quella disperata vitalità, dal sapore forse pasoliniano nella sua marginalità, ecco emergere la poesia del teatro. Sta a loro, a quei cinque personaggi, nonostante tutto, dire le parole di un testo come La morte e la fanciulla di Ariel Dorfman o La conchiglia del contemporaneo Mustafā Khalīfa. È l’eterno gioco della vita e del teatro, dunque: ma qui la vita preme in tutta la sua inconcepibile violenza.


Teatro Nazionale di Genova

Piazza Borgo Pila 42, Genova
Telefono 010 5342 1 Fax 010 534 2510
Info biglietteria  010 5342 300 

https://teatronazionalegenova.it/

teatro@teatronazionalegenova.it

Data spettacolo:

Sabato 6 luglio 2019

Info sala

Teatro della Corte

Viale Duca D'Aosta Emanuele Filiberto
16100 Genova